Intervista a mio nonno

     

Di Egizio Trombetta – E’ uno show di nonno, tutto in un video. Gli amori segreti, le “esperienze” più intense, l’incontro con Gina Lollobrigita, le spaghettate, il suo amore per gli zampetti di maiale, la sua predisposizione naturale per recitare davanti ad una telecamera.

        

23.10.2009. Il mio caro nonno, il suo modo di essere ha sempre rappresentato per me un vero e proprio inno alla vita. Non dico questo solo perché è il mio caro nonnino, chi ha avuto modo potrebbe confermare questa affermazione. Un po’ Mister Magoo, un po’ latin lover, sempre pronto a giocare il proprio ruolo nei scherzi che gli ho proposto. Lui

 

semplicemente sta al gioco rimanendo autentico, pensate che non se ne accorga quando lo riprendo con la telecamera? No no, lui è pienamente consapevole, è che recita semplicemente la sua parte. Un tipo esempio ne è la scenetta delle “prove col telefonino”. Quella “parte” l’avremo provata almeno una ventina di volte, ma spontaneamente! Con lui non c’è bisogno del “Ciak si gira”, si gira e basta, e scusate tanto per il “giro” di parole… Ci si sofferma parecchio sulle sue esperienze amorose e fra un teatrino ed un altro si trova anche il tempo per fare una gita in ospedale. Si parla anche di mio padre (perché lui - mio padre - si invecchia, noi no!) e ritornare in casa… giusto in tempo per affrontare

   

l’intervista richiesta dal medico della ASL. Ma è indubbio che nel filmato proposto prevale la rivelazione del mitico “rapporto” avuto con una certa Nabila, un’egiziana e peccato che le immagini siano di così scarsa qualità. Poi nonno ci spiega come faceva a rendersi conto che una donna sarebbe stata veramente “disponibile” nei suoi confronti. E’ un autentico show, il nonnino questa volta è stato incontenibile, un fiume in piena. Ogni volta nonno Gennarino mi rivela un dettaglio sulla sua vita, fatta di lunghi viaggi e di migliaia di ore uomo spese davanti al suo amato tornio. A proposito di viaggi, che bello vederlo tutto contento con la valigia pronta:”Vado da Tina a Salsomaggiore – mi diceva tutto contento”, questo è successo fino a pochi anni fa. Non so ancora quante interviste nonno potrà ancora concedermi in futuro, per ora ringrazio Dio per avermi concesso

tutte queste possibilità. Detto questo debbo riconoscere l’immenso talento del medico della ASL che mi sta una spanna sopra in materia di interviste; a me non sarebbe mai venuto in mente di porre una domanda come questa:”Signor Gennaro, pensa che sia meraviglioso essere vivi?”. E questo è quanto.

Commenti
Nuovo Cerca
et   |23-10-2009 13:18:12
;-)
Claudio   |02-10-2010 13:08:26
Che faceva il tornitore???Dove aveva l'officina?
Mio suocero fa il
tornitore,probabilmente si conoscono..........:-))
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >