Marini: “è una mostra inutile” Gasparrini: “non leggete quel catalogo”

aaaaaaaaaaaaaaaaa

   

Di Egizio Trombetta – il dibattito fra il professor Maurizio Marini, la professoressa Federica Gasparrini e il conduttore di I percorsi dell’arte Ivano Costantini è stato realizzato negli studi romani di GOLD TV. Nel video proposti all’interno del post è possibile vedere in sequenza: il dibattito fra Marini Gasparrini e Costantini, la sintesi dell’ultima trasmissione andata fin ora in onda, dietro le quinte della trasmissione. I percorsi dell’arte va solitamente in onda ogni sabato alle ore 22.30 sul digitale terrestre GOLD SHOP e sul canale 856 della piattaforma SKY.

  

 19.03.2010. Ivano Costantini a che tipo di pubblico si rivolge la sua trasmissione, I percorsi dell’arte?

Costantini:“E’ rivolta ad un pubblico che vuole imparare”

Perché ha deciso di avvalersi della collaborazione del professor Marini e della professoressa Gasparrini?

Costantini:“Perche credo che siano due personaggi estremamente preparati e conosciuti nel mondo dell’arte e dunque qualificati per dare delle risposte”

Diamo qualche informazione pratica per
sintonizzarsi sul vostro canale e assistere alla vostra trasmissione?

Costantini: “Su piattaforma Sky siamo sul canale 856. Sul digitale terrestre è necessario cercare nel menu del decoder GOLD SHOP

Professor Marini le chiedo un parere sulla mostra delle Scuderie in qualità di storico dell’arte “non allineato”. Anzi mi potrebbe spiegare che cosa vuol dire essere un critico dell’arte non allineato

Prof. Marini: “Essere non allineato significa che avendo studiato con impegno Caravaggio dal 1962 ad oggi, ho contribuito insieme a  Calvesi e altri studiosi di area culturale diversa a scrostare da tutte le leggende attribuite all’artista, sia sulla sua opera che sulla sua leggenda. Il nostro lavoro ha contribuito a ridargli il ruolo di aristocratico, di pittore dilettante di alto livello cui non fa schermo l’accademia, ma che arriva con la cultura e con la sapienza tecnica a svolgere un discorso pittorico

assolutamente innovativo. La mia opinione sulla mostra è che si tratta di una esposizione assolutamente inutile. Non da proprio quei contributi che da cinquanta anni in qua abbiamo cercato di portare soprattutto nel confronto delle opere e col confronto dei documenti. La lettura della parte tecnica è finita completamente nel dimenticatoio più assoluto pretendendo di portare solo opere certe. Penso che siano proprio le cosiddette opere meno certe che fanno da stimolo”

Professoressa Gasparrini, è d’accordo con quanto afferma il professor Marini? Prof. Gasparrini:”Certo, sono d’accordo col professor Marini. La mostra indubbiamente va visitata, ognuno deve crearsi la propria opinione e soprattutto è un’occasione importante perché si possono vedere delle opere che si trovano in America, in Inghilterra, in Irlanda e così via. Le si può vedere tutte insieme. Sconsiglio vivamente di leggere il catalogo perché purtroppo è pieno di errori, soprattutto per un profano che si avvicina per la prima volta a Caravaggio. Partendo da cose banali del tipo: la residenza del Cardinale Del Monte quando Caravaggio era il suo famiglio, come emerge dai recenti documenti, era Palazzo Firenze e non palazzo Madama come scritto sul catalogo. Palazzo Madama era semplicemente un luogo di rappresentanza per l’ambasceria di Toscana a Roma. E purtroppo il significato iconologico di vari dipinti è stato riportato a delle idee antiquatissime, sbagliate purtroppo, e questo lo dimostrano gli studi iconologici importantissimi fatti da Maurizio Calvesi. Non si può ritornare purtroppo al vecchio mito di Caravaggio pittore maledetto, Caravaggio con tendenze omosessuali perché rappresenta figure efebiche nei quadri degli anni novanta a Roma perché è assolutamente inconcepibile e sbagliato” 

Prof. Marini: “è una mostra politica, il curatore passa assolutamente in secondo piano, hanno stabilito che debbono esserci quadri di un certo tipo e quelli sono stati selezionati. Poi, quadri che in teoria non pongono problemi sono riusciti a crearseli, perché l’ignoranza crea sempre dei problemi, qualcuno ha detto che la Cattura di Cristo nell’orto sia un’opera dubbia… capolavoro assoluto, con pentimenti e re-interventi che possono essere solo di Caravaggio!”

Immagino che lei stia facendo riferimento a quanto dichiarato dal professor Paolucci… Non è d’accordo con lui, mi sembra di capire Prof. Marini: “Ma per l’amor di Dio. L’opera è di Caravaggio”

Prof. Gasparrini:”Ecco l’errore, si stanno creando delle fazioni, tutti contro tutti, o comunque facciamo gruppo per opporci a quel determinato studioso oppure all’altro. Questo è ridicolo. Gli studi vanno portati avanti seriamente, non si può approvare una politica che tende ad azzerare tutti i progressi fatti sino ad oggi per ritirar fuori delle castronerie che non hanno più alcun fondamento”

Costantini, Caravaggio nella vostra trasmissione è praticamente una costante, sbaglio? Costantini: “Non se ne può fare a meno visto che il professor Marini è uno dei maggiori esperti di Caravaggio al mondo ”

Avete in programma di dedicare qualche puntata particolare al maestro in vista della data del quadricentenario?

Costantini:”Spero di si, spero di portare altri personaggi e fare tutti insieme una tavola rotonda proprio dedicata a Caravaggio. Vorrei però chiarire però la mia posizione sulla mostra. Per me chi non conosce Caravaggio la mostra delle Scuderie costituisce un buon inizio”

 

Prof. Gasparrini: “Andare a vedere i capolavori è giustissimo. Oggi si fa questo errore: parlare al grande pubblico significa abbassare il livello e abbassare il livello significa raccontare tante imprecisioni. Questo non è giusto, si ha una grande responsabilità quando ci serve soprattutto di questi mezzi, la mostra sta richiamando migliaia di persone, diffondere notizie anti storiche è la cosa più sbagliata del mondo. Si deve avere rispetto del pubblico e rispetto del profano che si avvicina a questa materia e dare informazioni il più possibile corrette, magari con un linguaggio semplice”

 

Prof. Marini:”Un altra grande castroneria è, ad esempio, è quanto è stato scritto circa il luogo in cui Caravaggio dopo l’omicidio della pallacorda. E’ stato scritto che si rifugiò nei possedimenti dei Colonna sui colli Albani nei pressi del Vaticano… Dico, sui colli Albani! Chi conosce un pochino Roma si può rendere conto che non può essere…”

 

Prof. Gasparrini:”La cosa più sconcertante è che la professoressa Macioce fa parte del comitato della mostra. Lei ha già pubblicato un repertorio sui documenti caravaggeschi e ne ha fatta una nuova edizione, attualizzandola e correggendo gli errori precedenti proprio in vista di questa esposizione. Ora, che all’interno di uno stesso comitato scientifico non si mettano d’accordo neppure sulle cose documentate, la faccenda è piuttosto grave”

Costantini un’ultima domanda. Mi riferiscono che la sua trasmissione è molto seguita, ma mi può spiegare la scelta di mandare in onda il programma alle ore 22 del sabato sera? Sa, in quella fascia oraria, di sabato, si rischia di perdere un pubblico più giovane. Costantini: “E’ l’unico orario possibile, non ce ne sono altri a disposizione, è l’emittente che decide i palinsesti. Le spiego anche un’altra cosa, i costi della trasmissione sono totalmente a carico Tele Arte. Noi non siamo sponsorizzati da nessuno”

Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >