Ebrei, i nostri fratelli maggiori 

di Egizio Trombetta - traduzione in russo a cura da Sergej Bratchun digitalartworks@katamail.com

25.01.2007. “La religione ebraica non ci è “estrinseca”, ma in un certo qual modo, è “intrinseca” alla nostra religione. Abbiamo quindi verso di essa dei rapporti che non abbiamo con nessun’altra religione. Siete i nostri fratelli prediletti e, in un certo modo, si potrebbe dire i nostri fratelli maggiori.Il secondo punto rilevato dal Concilio è che agli ebrei, come popolo, non può essere imputata alcuna colpa atavica o collettiva, per ciò “che è stato fatto nella passione di Gesù”. Non indistintamente agli ebrei di quel tempo, non a quelli venuti dopo, non a quelli di adesso. È quindi inconsistente ogni pretesa giustificazione teologica di misure discriminatorie o, peggio ancora, persecutorie.”

Il 13 aprile dell’86, non ero nemmeno ventenne quando ascoltai per la prima volta, forse grazie ad una sintesi registrata della Rai uno stralcio del discorso fatto del mio amato Papa durante la sua visita fatta alla comunità ebraica di Roma. “Ebrei fratelli maggiori”, sono parole che da allora porto sempre con me. Dopo quel memorabile discorso, si sente parlare più spesso di “fratelli maggiori” anziché dei “perfidi giudei”…

Il 27 Gennaio è un giorno da tenere bene in mente. Si ricordano le vittime del nazionalsocialismo e dell’Olocausto. E’ il Giorno della Memoria, si ricorda in particolar modo l’arrivo delle truppe sovietiche dell’Armata Rossa nella città polacca  di Oswiecim, meglio nota col nome tedesco di Auschwitz. Era il 27 Gennaio del 1945. E’ il giorno che si ricorda quindi l’abbattimento dei cancelli del campo di concentramento più famoso della storia. e si ricorda lo sterminio del popolo ebraico anche conosciuto col nome di Shoah. 

E’ importante ricordare che fra le vittime dell’Olocausto non c’erano solo ebrei, ma anche comunisti, omosessuali, testimoni di Geova, russi, polacchi e altre minoranze etniche quali Rom e Sinti (zingari).

Non è certo compito mio aggiungere dati e informazioni sopra un tema che è sicuramente più grande di me e più grande di questo blog.

Il mio desiderio è semplicemente quello di ricordare alcune date così importanti. So che i visitatori di questo blog sono notoriamente molto silenziosi, gelosi del proprio anonimato, ma vi chiedo almeno per una volta di raccontare a tutti noi una vostra esperienza. Per chi non lo sapesse dico che è possibile inserire un commento e rimanere anonimi.

Gennaio è un mese speciale e non c’è il solo giorno 27 da ricordare. Il 17 appena passato si è stato il giorno dell’amicizia e del dialogo fra ebrei cristiani. A riguardo di questo tema suggerisco di visitare il blog di Giorgio Israel, alla data del 17 Gennaio è proposto un articolo dedicato a questo particolare evento (http://gisrael.blogspot.com). Di seguito ripropongo l’eccezionale dipinto di Chagall proposto proprio all’interno del blog di Israel, il quale come fa notare l’articolo di Sr. M. Gloria Riva, riassume la tragedia del popolo ebraico.

Chi mi conosce sa che da “sempre” amo Israele, la cultura ebraica e per questo dico grazie a Dio e mia mamma Gisella.

 
  

La crocifissione bianca - di Chagall

In occasione della ricorrenza della Giornata della Memoria pongo a tutti voi dei quesiti. C’è ancora un po’ antisemitismo in mezzo a noi? E tu, si proprio tu, sinceramente, hai avuto mai atteggiamenti antisemita almeno una volta nella tua vita? O ancora: hai mai conosciuto qualcuno che ha avuto atteggiamenti antisemiti? Avete la possibilità scrivere le vostre esperienze nei commenti. Vi ricordo che se volete  potrete mantenere l’anonimato. Ho scelto di iniziare questo mio breve appunto con le parole di Giovanni Paolo II.

 

E' in uscita su la Repubblica un'opera in dvd sulla storia della Shoah:

il 26 Gennaio “Storia della Shoah” in Dvd

 

E' uscito il 22 Gennaio il libro “Album Auschwitz”.  E’ un libro con dei documenti fotografici straordinari.

Ebrei, Fratelli Maggiori Newton & Compton. E’ un libro che riunisce i numerosi discorsi e gli interventi sui rapporti tra cattolicesimo ed ebraismo pronunciati da papa Wojtyla e dal suo successore, Benedetto XVI

 

Link che ho il piacere di  segnalare:

 

http://www.nostreradici.it/

http://www.ucei.it/giornodellamemoria/

http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/giorno_memoria_2007/index.html

http://www.emsf.rai.it/percorsi_tematici/memoria/index.htm

discorso del Papa fatto in sinagoga:

http://www.nostreradici.it/papa_sinag.htm

Commenti
Nuovo Cerca
Luana   |24-01-2008 15:16:47
bravo!
giacomo  - bravo??   |25-01-2008 14:32:28
bravo?
ma bravo de che?
ipocritamente vi cospargete il capo di cenere con le
vostre lacrimucce gridando "mai più" quando in questo medesimo istante è
in atto un olocausto ugualmente infame, ugualmente violento, con gli stessi
intenti:
l'olocausto palestinese.
quasi 2 milioni di persone alla fame, chiuse
dentro un muro vergognoso, assediate, bombardate quotidianamente, senza acqua,
cibo, medicine. Allo stremo.
Non vi ricorda nulla visto che parlate tanto di
memoria?
Non vi ricordano i lagher nazisti dove la gente moriva di fame, stenti,
torture, malattie? No? La vostra coscienza sempre così attenta quando si tratta
di alcuni tipi di memoria non vi dice nulla?
Non avevate detto "mai
più"?
Inoltre la colpa collettiva del popolo tedesco ? questa ve la
ricordate no?
E adesso? Allora non c'era internet, la televisione, il telefono e
tutto quello di cui disponiamo ora per informarci di quello che ci succede
intorno: siete più colpevoli dei tedeschi di allora, perchè sapete e fate finta
di nulla chi per viltà chi per opportunismo.
Qual è la differenza ora?
Un
bambino palestinese ammazzato non vale un suo coetaneo israeliano?
Sempre con la
vostra famosa memoria chi di voi sa quanti bambini israeliani sono morti uccisi
quest'anno?
Ve ne ricordereste eccome, dai titoli allarmati sui giornali, dagli
editoriali di giornalai preoccpuati per il terrorismo dilagante, dagli attestati
di solidarietà, dagli appelli al diritto alla difesa di Israele e bla bla
bla.
Ma sepete voi che quest'anno sono morti 157 BAMBINI palestinesi trucidati
dalle armi supertecnologiche di Israele?
Avete visto un solo titolo sul
giornale? un editoriale? una lacrima televisiva? un attestato di
solidarietà?
157 non bastano?
Ricordo che la punizione collettiva di un popolo
per la responsabilità di pochi è proibita dalla convenzione di Ginevra.
Ricordo
anche che secondo la stessa convenzione l'occupante militare è responsabile
della vita degli occupati.
Ricordo altresì , per chi non lo sapesse che gli
israeliani dormono in letti rubati.
E' come se venisse qualcuno nella casa in
cui vivete da generazioni ed armi in pugno vi cacciasse per stabilircisi
lui.

Tutto questo nella più totale indifferenza generale, se non addirittura
con la nostra complicità.
Critichi Israele? e che vuoi passare da antisemita?
non sia mai!
sapete quanti "terroristi" sono stati ammazzati dall'inizio
dell'anno? circa 1000 (mille), di cui bambini (leggasi BAMBINI) 157, circa il
15,7%.
Sapete cos'è un razzo kassam? informatevi!
E la vittima sarebbe Israele
che è l'esercito più armato al mondo?
E i palestinesi tutti terroristi?
Viveteci
voi nella striscia di Gaza con i vostri bambini mentre di notte senza luce gli
elicotteri volteggiano sulla vostra casa sperando che non tocchi a
voi.
Ipocriti!
Nella vostra indifferenza indossate la kippà e rendete omaggio
agli aguzzini di oggi che in nome di un torto di ieri commettono questi crimini
ignobili.
Israele è già condannato dalla storia spero venga condannato anche da
un tribunale internazionale.
Mandate questo a memoria, buffoni!
egizio  - R: - bravo??     |25-01-2008 14:49:56
Giacomo, prima cosa. Usi "Voi". Ebbene, ti posso dire che io sono
cattolico. Non sono ebreo. E anche se fossi stato Musulmano mi avrebbe fatto
ORRORE qualsiasi tipo di CRIMINE, sia che siano palestinesi sia che siano ebrei.
Tanto per puntualizzare mi fanno orrore anche i crimini che nascono per mano del
popolo di Israele. Mi fanno altresì orrore i crimini commessi dagli uomini di
Chiesa o pseudo tali! Mi fa ORRORE l'ipocresia dell'uomo che porta a morire una
parte di noi ogni giorno un pò di più. Grazie per il tuo commento Giacomo, Ma
stai sereno. Per concludere ti ricordo che non ho nulla contro il popolo
tedesco, anzi! Sull'ipocrisia sono d'accordo con te, e non occorre usare toni
offensivi! ciao Egizio
Sal  - Il bianco e il nero   |27-01-2008 18:33:30
per Giacomo


l'argomento ti sta a cuore, si sente.

anche troppo, mi pare,
per non pensare ad una certa familiarità con le tesi, le antitesi, e quindi le
sintesi

a pensare male eccetera eccetera: non l'ha smentito nessuno, il
vecchio Giulio

alcuni lo chiamano "indottrinamento", altri
"politicizzazione"

leggevo il tuo intervento e pensavo ai vertici
della sinistra italiana, o ai giovani di certe assemblee e di certi forum:
parole scolpite nella pietra, sempre le stesse, sempre gli stessi

quei
giovani sono bravissimi a fare i giovani, da anni

da sempre

hanno il
copyright del giusto, del bene e del vero

il resto è noia, è fascismo, è
shit: c'è bisogno di tradurre?

se poi qualcuno tira fuori l'argomento
medioriente, beh, un assist che basta buttarla dentro

i bambini uccisi?
orrore

ma i bambini sono bambini dappertutto, e un po' più vicini dei 157
palestinesi, che sono un numero spaventoso, ci sarebbero quelli che in Italia
vengono stuprati, abbandonati e uccisi tutti i giorni: quelli li hai presente,
no?

ma ognuno è libero di pensarla come vuole, ci mancherebbe, e sia
benvenuta l'idea di Giacomo e tutte le idee come la sua

sarebbe bello però,
penso, cominciare a coltivare il dubbio che il bianco e il nero non siano sempre
bianco e nero

magari c'è anche qualche zona grigia, no?

sarebbe bello
sentire pronunciare qualche dubbio, magari, perché per come vanno le cose non è
che abbiamo poi tutte queste certezze, o no?

l'importanza del dubbio

e
l'importanza di usare parole proprie, vere, non le parole del partito, della
sezione, il vocabolario del militante, qualunque militante, di qualunque
parte

magari è un'utopia, però, come Israele e la Palestina finalmente in
pace e perfino vicine come fratelli e sorelle

o no?
Francesco  - Bravo Giacomo   |25-01-2008 16:55:01
ero entrato in questo blog già sconvolto...meno male che ho letto il commento di
Giacomo e mi è venuto in mente che in questo paese ancora c'è qualcuno con un
po' d cervello e di cultura storica...grazie
Francesco
Anonimo   |26-01-2008 23:33:40
Grazie Egizio per avermi ricordato le parole del Papa. L'idea che milioni di
persone possono essere giudicati colpevoli per peccati immaginari è assurda e
incomprensibile. C'è qualcosa di illogico nella mente umana che ci fa facile
dividere il mondo tra i "noi" e i "voi", e vediamo gli effetti
in tutti i conflitti del mondo (compresi quelli nella famiglia, a lavoro). Non
sono cattolico ma spero che il desiderio del Papa precedente di abbattere la
discriminazione abbia successo, e che riusciamo a smettere di colpevolizzare
l'uno l'altro.
lucia iungo     |27-01-2008 14:09:52
Caro Egizio è un bell'articolo e sono daccordo sul fatto che non bisogna
dimenticare, credo anche che i riflettori debbono anche essere messi subito,
ogni volta che accade sui drammi e gli orrori che si stanno consumando oggi in
ogni parte del mondo: sono tanti!! Non voglio nominarne nessuno, proprio per non
togliere visibilità agli altri, è dovere dei media metterli in risalto, non
sempre lo fanno, è dovere di ognuno di noi cercare di saperne di più.Abbiamo la
rete, possiamo farlo.A presto Lucia
Francesco  - per sal e il bianco e il nero   |28-01-2008 10:18:53
nomini troppe volte il "partito" per nn pensare che ne fai parte
(qualsiasi esso sia)...nn m pare pero' che Giacomo abbia usato parole vecchie e
stantie, ma semplicemente ha commentato un'articolo. Puoi essere daccordo o meno
ma non credo che abbia sovvertito la verità storica sottolineando la violazione
della Convenzione di Ginevra (da anni e senza essere puniti), o il fatto che si
trovano in posti occupati da loro o chi per loro. Poi, tutti auspichiamo la pace
e la convivenza reciproca dei 2 popoli (arabo e israeliano), ma la storia ci ha
insegnato (almeno finora) che spesso in Israele non ci sentono bene da
quell'orecchio e, forti della copertura del grande fratello americano (e non è
nessun partito a suggerirmelo, come nessun partito o persona mi puo' far
cambiare idea)si possono permettere di fare quello che vogliono in barba a
qualsiasi Convenzione superpartes.
Un po' di obbiettività in piu' non
guasterebbe
Distinti saluti
Francesco
Sal  - per Francesco, Giacomo & C   |30-01-2008 00:12:17
bravo, bel pistolotto

sarebbe perfetto, non fosse che io a differenza di te
mi sono ben guardato dall'entrare nel MERITO, ho semplicemente fatto un discorso
di METODO

il merito lo lascio a voi, che evidentemente siete abbastanza
esperti di medioriente

a proposito, la Convenzione di Ginevra: visto che ne
parli, saprai sicuramente quante volte ne è stata fatta carne di porco, da
quanti stati, in quali occasioni, e perché, vero?

bene, attendo di esserne
illuminato, così dimostrerai davvero l'obiettività che richiedi agli
altri

regards
"Quando il dito indica la luna, lo stolto guarda il
dito"
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >