Porto Sant’Elpidio: un covo di piccoli artisti

 

24.04.2008. Porto Sant'Elpidio: era una domenica pomeriggio. Mi trovavo li per far visita a mio padre. Dopo un pranzo a base di tagliatelle al ragù, seppie con piselli (che cautamente non ho neppure sfiorato) e Galantina, una specialità marchigiana. A coloro che ne avessero il dubbio io, no, non ho origini marchigiane… bensì abruzzesi. Marchigiana è la compagnia di mio papà, ecco perché mi da quelle parti. Insomma dopo una mattinata di allenamento in riva al mare e un lauto pranzo non c’è niente di meglio del riposino del “guerriero”… Ecco, erano circa le quattro di pomeriggio, quando mi “butto” un attimo sul letto…ah che bello, dopo una settimana di Gran Premio percorsi fra Santa Maria delle Mole e via Salaria… Ronf, ronf, ronf…il quarto ronf è stato disturbato da un rumore assordante che proveniva dal

parco vicino all’abitazione. Il rumore assordante mano a mano si trasformava in un suono invitante…oserei dire seduttore… Insomma in quattro e quattrocchi infilo le scarpe (senza allacciarle), ingurgito il caffè freddo che stava li sul tavolo ed esco senza pensarci troppo... voglio vederci chiaro. Porto con me la mia piccola macchina fotografica (che può fare anche piccoli filmati di circa tre minuti anche se la qualità non è eccellente). Purtroppo non riprendo tutte le esibizioni. Notevole anche la performance della ragazza che ha eseguito un brano di Anita Franklin, che ho avuto la pessima idea di non filmare. Rimango francamente stupito, che dico, incantato dal talento e la bravura degli allievi di Isabella Conti, che non conosco, ma che certamente posso intuire la sua abilità nell’insegnare canto…

 

Commenti
Nuovo Cerca
kevin   |24-04-2008 13:14:04
great show egizio!!!
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >